Login
Eventi

4

gen

2020

VISITA A PALAZZO PRATI SAVORELLI

Ritrovo alle ore 10,15 in Corso Diaz 49

Per iniziare piacevolmente il nuovo anno proponiamo una visita alla scoperta dei tesori nascosti della nostra città, con la preziosa collaborazione della Prof.ssa Gabriella Tronconi che ci farà da guida.         

La costruzione risale al 1700, ad opera di un architetto sconosciuto. Nel 1767 venne rilevato dalla famiglia Prati che lo acquistò dai Paulucci. Attualmente è sede dell'Istituto Prati, ufficialmente "Ente Pio Fondazione Prati", costituito nel 1944 per volontà testamentaria della contessa Paola Savorelli Muti Papazzurri, la cui madre faceva parte della famiglia proprietaria del palazzo, proveniente da Prato e stabilitisi a Forlì nel seicento.


 L’antico palazzo conserva opere databili dalla metà del XV secolo fino alla fine del XIX. Oltre ai dipinti, custodisce un insieme di mobili (tavoli, sedie, poltrone, divani, cassettoni), di maioliche (piatti, vassoi, coppe, coperchi) e lampadari di artigianato italiano. Importantissimo è l'archivio storico dell'Istituto che consiste di 1250 unità archivistiche tra registri, buste e fascicoli, datate dal 1320 al 1944 e situate su scaffali nel locale che ospita anche la biblioteca, una piccola collezione di monete (dall'età romana fino alla fine del XVIII secolo) e una raccolta di stampe.

 

La partecipazione alla visita è libera e gratuita.

 

Informazioni: Amici dell’Arte, Viale Roma 124, tel. 0543 62821

info@amicidellarte.info – www.amicidellarte.info

 

 

Commenti (0)
Number of views (139)
Continua

Categorie: Iniziative

Tags:

5

gen

2020

CONCERTO DELL’EPIFANIA Progetto Forlì SiCura

Istituto Musicale Angelo Masini

Domenica 5 gennaio 2020 ore 17,00 - Istituto Musicale Angelo Masini

CONCERTO DELL’EPIFANIA

Andiamo all’Opera!

MARGHERITA PIERI soprano

FEDERICA VENTURI soprano

LORENZO LUCCHI pianoforte

Programma:

Musiche di Gaetano Donizetti, Giuseppe Verdi,

Giacomo Puccini

Introduzione all’ascolto del Prof. Ivan Bratti

 

Margherita Pieri si è diplomata brillantemente nel 2010 presso il Conservatorio A.Boito di Parma. Laureata in filosofia nel 2007 ha conseguito una seconda laurea in linguistica italiana specializzandosi nella librettistica d'opera del Settecento. Nel 2011 ha vinto il Concorso Primo Palcoscenico di Cesena e debuttato presso il Teatro Bonci. Si è esibita presso il Teatro Alighieri e Teatro Rasi di Ravenna, nei Teatri Comunali di Cervia, Argenta, Russi e Fusignano e all'auditorium CariRomagna di Forlì. Come solista ha un'intensa attività concertistica svolta in contesti quali il Teatro Comunale di Ferrara, l'Accademia Filarmonica di Bologna. Specializzata nel repertorio operistico settecentesco, ha seguito anche master di musica antica. Fa parte del coro giovanile .Cherubini di Ravenna

Federica Venturi. Diplomata in canto lirico presso il conservatorio Arrigo Boito di Parma, dal 2015 ha intrapreso una brillante carriera partecipando a numerosi produzioni nei principali teatri italiani. È finalista alla prima edizione del Concorso Lirico Internazionale Carlo Zampighi (con presidente di giuria Katia Ricciarelli) e partecipa al concerto dei finalisti. Collabora come aggiunta al Coro San Carlo di Pesaro nel programma Boccelli & Zanetti Night con la direzione del M° Zubin Mehta. Oltre all’intensa attività operistica svolge anche un’attività concertistica

Lorenzo Lucchi in

Commenti (0)
Number of views (147)
Continua

Categorie: Concerti

Tags:

18

gen

2020

FERRARA, il MEIS e MOSTRA DE NITTIS

Ferrara Museo Meis e Palazzo dei Diamanti

Sabato 18 gennaio 2020

FERRARA, visita al MEIS e alla mostra DE NITTIS, l’avventura dello sguardo, a Palazzo Diamanti

Nella mattinata visiteremo il MEIS, il Museo Nazionale dell’Ebraismo italiano, che ha sede nel complesso delle ex-carceri cittadine. Con il percorso espositivo permamente "Ebrei, una storia italiana. I primi mille anni", il MEIS racconta l’esperienza dell’ebraismo italiano, descrivendo come si è formato e sviluppato nella Penisola dall’età romana al Medioevo, e come ha costruito la propria peculiare identità, anche rispetto ad altri luoghi della diaspora. Attraverso i contributi video di alcuni esperti, oggetti preziosi e rari, pause immersive, inserti multimediali, ricostruzioni (il Tempio di Gerusalemme, l’Arco di Tito, le catacombe ebraiche, le sinagoghe di Ostia e Bova Marina), suoni e musiche, il percorso individua le aree di origine e dispersione del popolo ebraico, e ripercorre le rotte dell’esilio verso il Mediterraneo occidentale. Documenta la permanenza a Roma e nel sud Italia, parla di migrazione, schiavitù, integrazione e intolleranza religiosa, in rapporto sia al mondo pagano che a quello cristiano. Segue la fioritura dell’ebraismo nell'Italia meridionale nel Medioevo, prima della sua espulsione, e poi il precisarsi di una cultura ebraica italiana in tutto il Paese.

Figura di spicco, insieme a Boldini, della scena parigina di fine Ottocento, nel corso della sua carriera, De Nittis fu prima un interprete d’avanguardia della scuola verista del sud Italia, per entrare poi a pieno titolo nella compagine degli innovatori parigini con i quali condivise gli interessi per la fotografia e per l’arte giapponese, linguaggi che influenzarono profondamente la sua ricerca. L’esposizione di Palazzo dei Diamanti si propone di rileggere la parabola creativa di De Nittis analizzando per la prima volta la sua produzione da un punto di vista formale e tecnico al fine di mettere in luce la sua peculiare risposta alle poetiche della modernità. La mostra sarà ordinata secondo un percorso cronologico-tematico, la cui scansione troverà ispirazione anche in alcune delle parole che la critica coeva dedicò all’opera di De Nittis, sottolineando la peculiarità di questo pittore: «meridionale al sud, francese a Parigi e londinese a Londra», come scriveva, nel 1914, Vittorio Pica per evidenziare l’universalità e l’europeismo ante litteram della sua arte.

Programma: Partenza alle ore 8,00 da Viale Roma 128 (difronte lo Stadio), Ore 10,30 visita del MEIS. Pranzo libero. Ore 15/15,15 visita guidata alla mostra di DE NITTIS al Palazzo dei Diamanti. A conclusione rientro a Forlì

Costo: comprensivo di viaggio in bus riservato con assicurazione, visite guidate, ingressi

con 30 partecipanti:           soci

Commenti (0)
Number of views (128)
Continua

Categorie: Iniziative

Tags:

25

gen

2020

RICORDO DI GIULIANO MISSIRINI

Sede Amici dell'Arte Viale Roma 124 Forlì

Pomeriggi Insieme...agli “Amici dell’Arte”

Sabato25 gennaio, ore 16.00, presso la sede di Viale Roma 124

Ricordo di Giuliano Missirini

Incontreremo il nostro concittadino Prof. Marco Antonio Bazzocchi, critico letterario, saggista, docente universitario, che insieme a noi ricorderà a 20 anni dalla sua scomparsa Giuliano Missirini, da sempre amico e collaboratore della storia degli Amici dell’Arte. Il Prof. Bazzocchi ha avuto fin dalla giovinezza un legame personale con Giuliano, di cui parlerà con particolare affetto.

INGRESSO LIBERO

Commenti (0)
Number of views (145)
Continua

Categorie: Iniziative

Tags:

31

gen

2020

MUSICA DA RIPOSTIGLIO

Teatro Il Piccolo

venerdì 31 gennaio - Teatro Il Piccolo ore 21,00

MUSICA DA RIPOSTIGLIO

Luca Pirozzi voce, chitarra e banjo

Luca Giacomelli chitarra

Raffaele Toninelli contrabbasso

Emanuele Pellegrini batteria

I Musica da Ripostiglio ( perché da Camera sembrava troppo) rappresentano una di quelle gemme nel panorama artistico nazionale che crescono nel cuore dei club e dei teatri, lì dove la Bellezza non sgomita, ma si siede sul palco e si racconta, chiedendo orecchie e sguardi attenti che abbiano la pazienza e la voglia di fermarsi, ascoltare e afferrarne l’anima.

I ‘Musica da Ripostiglio’ fanno canzoni teatrali, e non solo perché tra assi e velluto si sentono a casa. Il loro swing è nostalgico nella forma, attualissimo nel contenuto, ed ogni strofa è un fotogramma: schiacciando play, il sipario si spalanca su una piccola, caleidoscopica sala riempita dalle note travolgenti degli anni ’30-’50, dagli abiti ampi e dalle giacche inamidate che volteggiano a creare un turbine senza origine né coda.

Programma: musiche a sorpresa degli anni 1930-1950

Commenti (0)
Number of views (161)
Continua

Categorie: Concerti

Tags:

RSS
Categorie
Calendario
«gennaio 2020»
lunmarmergiovensabdom
30311234
04/01/2020 10:30 - 12:00

VISITA A PALAZZO PRATI SAVORELLI

Per iniziare piacevolmente il nuovo anno proponiamo una visita alla scoperta dei tesori nascosti della nostra città, con la preziosa collaborazione della Prof.ssa Gabriella Tronconi che ci farà da guida.         

La costruzione risale al 1700, ad opera di un architetto sconosciuto. Nel 1767 venne rilevato dalla famiglia Prati che lo acquistò dai Paulucci. Attualmente è sede dell'Istituto Prati, ufficialmente "Ente Pio Fondazione Prati", costituito nel 1944 per volontà testamentaria della contessa Paola Savorelli Muti Papazzurri, la cui madre faceva parte della famiglia proprietaria del palazzo, proveniente da Prato e stabilitisi a Forlì nel seicento.


 L’antico palazzo conserva opere databili dalla metà del XV secolo fino alla fine del XIX. Oltre ai dipinti, custodisce un insieme di mobili (tavoli, sedie, poltrone, divani, cassettoni), di maioliche (piatti, vassoi, coppe, coperchi) e lampadari di artigianato italiano. Importantissimo è l'archivio storico dell'Istituto che consiste di 1250 unità archivistiche tra registri, buste e fascicoli, datate dal 1320 al 1944 e situate su scaffali nel locale che ospita anche la biblioteca, una piccola collezione di monete (dall'età romana fino alla fine del XVIII secolo) e una raccolta di stampe.

 

La partecipazione alla visita è libera e gratuita.

 

Informazioni: Amici dell’Arte, Viale Roma 124, tel. 0543 62821

info@amicidellarte.info – www.amicidellarte.info

 

 

Continua a leggere
5
05/01/2020 17:00 - 18:30

CONCERTO DELL’EPIFANIA Progetto Forlì SiCura

Domenica 5 gennaio 2020 ore 17,00 - Istituto Musicale Angelo Masini

CONCERTO DELL’EPIFANIA

Andiamo all’Opera!

MARGHERITA PIERI soprano

FEDERICA VENTURI soprano

LORENZO LUCCHI pianoforte

Programma:

Musiche di Gaetano Donizetti, Giuseppe Verdi,

Giacomo Puccini

Introduzione all’ascolto del Prof. Ivan Bratti

 

Margherita Pieri si è diplomata brillantemente nel 2010 presso il Conservatorio A.Boito di Parma. Laureata in filosofia nel 2007 ha conseguito una seconda laurea in linguistica italiana specializzandosi nella librettistica d'opera del Settecento. Nel 2011 ha vinto il Concorso Primo Palcoscenico di Cesena e debuttato presso il Teatro Bonci. Si è esibita presso il Teatro Alighieri e Teatro Rasi di Ravenna, nei Teatri Comunali di Cervia, Argenta, Russi e Fusignano e all'auditorium CariRomagna di Forlì. Come solista ha un'intensa attività concertistica svolta in contesti quali il Teatro Comunale di Ferrara, l'Accademia Filarmonica di Bologna. Specializzata nel repertorio operistico settecentesco, ha seguito anche master di musica antica. Fa parte del coro giovanile .Cherubini di Ravenna

Federica Venturi. Diplomata in canto lirico presso il conservatorio Arrigo Boito di Parma, dal 2015 ha intrapreso una brillante carriera partecipando a numerosi produzioni nei principali teatri italiani. È finalista alla prima edizione del Concorso Lirico Internazionale Carlo Zampighi (con presidente di giuria Katia Ricciarelli) e partecipa al concerto dei finalisti. Collabora come aggiunta al Coro San Carlo di Pesaro nel programma Boccelli & Zanetti Night con la direzione del M° Zubin Mehta. Oltre all’intensa attività operistica svolge anche un’attività concertistica

Lorenzo Lucchi in

Continua a leggere
6789101112
131415161718
18/01/2020 08:00 - 20:00

FERRARA, il MEIS e MOSTRA DE NITTIS

Sabato 18 gennaio 2020

FERRARA, visita al MEIS e alla mostra DE NITTIS, l’avventura dello sguardo, a Palazzo Diamanti

Nella mattinata visiteremo il MEIS, il Museo Nazionale dell’Ebraismo italiano, che ha sede nel complesso delle ex-carceri cittadine. Con il percorso espositivo permamente "Ebrei, una storia italiana. I primi mille anni", il MEIS racconta l’esperienza dell’ebraismo italiano, descrivendo come si è formato e sviluppato nella Penisola dall’età romana al Medioevo, e come ha costruito la propria peculiare identità, anche rispetto ad altri luoghi della diaspora. Attraverso i contributi video di alcuni esperti, oggetti preziosi e rari, pause immersive, inserti multimediali, ricostruzioni (il Tempio di Gerusalemme, l’Arco di Tito, le catacombe ebraiche, le sinagoghe di Ostia e Bova Marina), suoni e musiche, il percorso individua le aree di origine e dispersione del popolo ebraico, e ripercorre le rotte dell’esilio verso il Mediterraneo occidentale. Documenta la permanenza a Roma e nel sud Italia, parla di migrazione, schiavitù, integrazione e intolleranza religiosa, in rapporto sia al mondo pagano che a quello cristiano. Segue la fioritura dell’ebraismo nell'Italia meridionale nel Medioevo, prima della sua espulsione, e poi il precisarsi di una cultura ebraica italiana in tutto il Paese.

Figura di spicco, insieme a Boldini, della scena parigina di fine Ottocento, nel corso della sua carriera, De Nittis fu prima un interprete d’avanguardia della scuola verista del sud Italia, per entrare poi a pieno titolo nella compagine degli innovatori parigini con i quali condivise gli interessi per la fotografia e per l’arte giapponese, linguaggi che influenzarono profondamente la sua ricerca. L’esposizione di Palazzo dei Diamanti si propone di rileggere la parabola creativa di De Nittis analizzando per la prima volta la sua produzione da un punto di vista formale e tecnico al fine di mettere in luce la sua peculiare risposta alle poetiche della modernità. La mostra sarà ordinata secondo un percorso cronologico-tematico, la cui scansione troverà ispirazione anche in alcune delle parole che la critica coeva dedicò all’opera di De Nittis, sottolineando la peculiarità di questo pittore: «meridionale al sud, francese a Parigi e londinese a Londra», come scriveva, nel 1914, Vittorio Pica per evidenziare l’universalità e l’europeismo ante litteram della sua arte.

Programma: Partenza alle ore 8,00 da Viale Roma 128 (difronte lo Stadio), Ore 10,30 visita del MEIS. Pranzo libero. Ore 15/15,15 visita guidata alla mostra di DE NITTIS al Palazzo dei Diamanti. A conclusione rientro a Forlì

Costo: comprensivo di viaggio in bus riservato con assicurazione, visite guidate, ingressi

con 30 partecipanti:           soci

Continua a leggere
19
202122232425
25/01/2020 16:00 - 18:00

RICORDO DI GIULIANO MISSIRINI

Pomeriggi Insieme...agli “Amici dell’Arte”

Sabato25 gennaio, ore 16.00, presso la sede di Viale Roma 124

Ricordo di Giuliano Missirini

Incontreremo il nostro concittadino Prof. Marco Antonio Bazzocchi, critico letterario, saggista, docente universitario, che insieme a noi ricorderà a 20 anni dalla sua scomparsa Giuliano Missirini, da sempre amico e collaboratore della storia degli Amici dell’Arte. Il Prof. Bazzocchi ha avuto fin dalla giovinezza un legame personale con Giuliano, di cui parlerà con particolare affetto.

INGRESSO LIBERO

Continua a leggere
26
2728293031
31/01/2020 21:00 - 23:00

MUSICA DA RIPOSTIGLIO

venerdì 31 gennaio - Teatro Il Piccolo ore 21,00

MUSICA DA RIPOSTIGLIO

Luca Pirozzi voce, chitarra e banjo

Luca Giacomelli chitarra

Raffaele Toninelli contrabbasso

Emanuele Pellegrini batteria

I Musica da Ripostiglio ( perché da Camera sembrava troppo) rappresentano una di quelle gemme nel panorama artistico nazionale che crescono nel cuore dei club e dei teatri, lì dove la Bellezza non sgomita, ma si siede sul palco e si racconta, chiedendo orecchie e sguardi attenti che abbiano la pazienza e la voglia di fermarsi, ascoltare e afferrarne l’anima.

I ‘Musica da Ripostiglio’ fanno canzoni teatrali, e non solo perché tra assi e velluto si sentono a casa. Il loro swing è nostalgico nella forma, attualissimo nel contenuto, ed ogni strofa è un fotogramma: schiacciando play, il sipario si spalanca su una piccola, caleidoscopica sala riempita dalle note travolgenti degli anni ’30-’50, dagli abiti ampi e dalle giacche inamidate che volteggiano a creare un turbine senza origine né coda.

Programma: musiche a sorpresa degli anni 1930-1950

Continua a leggere
12
34567
07/02/2020 21:00 - 23:00

ORCHESTRA BRUNO MADERNA direttore MAXIME PASCAL

venerdì 7 febbraio - Teatro Diego Fabbri ore 21.00

ORCHESTRA BRUNO MADERNA

MAXIME PASCAL

direttore

Programma

Ludwig van Beethoven,          Ouverture Leonore

Maurice Ravel,            Ma mère l’oye

Antonin Dvorak,         Sinfonia “ Dal nuovo mondo” n 9 op.95

Maxime Pascal è tra i più interessanti, versatili e visionari artisti della sua generazione. E’ stato il primo francese a vincere il Concorso Nestlé e il Festival di Salimburg. Questo successo lo ha portato a dirigere le più importanti orchestre francesi, fra cui quelle di Parigi, Tolosa, Bordeaux e Lilla. Ha diretto alla Staatsoper di Berlino e al Teatro alla Scala, lavorerà con l’Opéra National de Paris, con la Danish National Symphony Orchestra, con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai e ad Hong Kong, per dirigere Les Siècles. Co-fondatore e Direttore musicale dell’ensemble Le Balcon, ha sviluppato, unitamente agli altri membri dell’Ensemble, una propria personale visione dello spettacolo musicale.

 

Continua a leggere
89

Prossimi Eventi

  • 'IL SOGNO DI GIACOMOGIUSEPPE' (07/08/2020 21:30 - 23:00)
    07/08/2020 21:30 - 23:00

    'IL SOGNO DI GIACOMOGIUSEPPE'

    acquisto biglietti :www.vivaticket.com/it/cerca-biglietti/forli , oppure punti convenzionati

    7 agosto 21.30

    “ Il sogno di Giacomo Giuseppe”

    Diego Bragonzi Bignami, baritono

    Maria Silvestrini, pianoforte

    Fantasia lirica in un atto di Diego Bragonzi Bignami

    Il duo: Diego Bragonzi Bignami e Maria Silvestrini, pianista. Il duo nasce nel 2001. Sono insieme in televisione su RAI Futura e le loro esibizioni in teatro superano le 250 rappersentazioni. Nel 2012 fondano a Parigi La Bertrand GRuss Paris, impresa culturale che collabora con il comune della città e altre importanti istituzioni francesi, impegnata in progetti artistici e sociali, premiata da rinomati riconoscimenti quale il premio "Educazione per tutti" consegnato all'Assemblea nazionale di Francia.Come musicisti sono dal 2016 ad oggi gli ospiti fissi in "Lire en Premier" appuntamento mensile dedicato alla musica e al teatro realizzato dal comune di Parigi nel quartiere del Louvre-Palais Royale. Ultima edizione del 19 maggo 2017 in collaborazione con l'UNESCO per il "Festival des diversitées culturelles" .

    Continua a leggere
  • 'INCONTRO SCONTRO TRA PAROLE E MUSICA' (20/08/2020 21:30 - 23:00)
    20/08/2020 21:30 - 23:00

    'INCONTRO SCONTRO TRA PAROLE E MUSICA'

    acquisto biglietti :www.vivaticket.com/it/cerca-biglietti/forli , oppure punti convenzionati

    20 agosto 21.30

    “Incontro scontro tra parole e musica”

    Stefano Benni, poeta

    Danilo Rossi, viola

    Oreste Bossini, conduttore e giornalista musicale

    Stefano Benni, nato a Bologna, è giornalista, scrittore e poeta, Ha collaborato con numerose testate, come Manifesto, Cuore e Panorama, Repubblica e MicroMega. Il suo primo libro, Bar Sport, è uscito nel 1976. Da allora la sua produzione ha spaziato dai romanzi, ai racconti, alle raccolte di poesie, al teatro, e perfino al cinema. Dopo la raccolta di poesie satiriche "Prima o poi l'amore arriva" (1981), ha pubblicato il romanzo satirico-fantascientifico "Terra!" (1983), il rodariano "I meravigliosi animali di Stranalandia" (1984) con i disegni di Pirro Cuniberti, "Comici spaventati guerrieri" critica della condizione urbana. I lavori seguenti sono una continua crescita, con la composizione di opere di carattere fantastico fortemente legate alla situazione politica e sociale contemporanea. Tra gli altri suoi libri sono: "Baol" "La compagnia dei celestini",,Blues in sedici", ""Saltatempo" (Premio Bancarella 2001), "Il bar sotto il mare", "L'ultima lacrima,"Bar sport duemila". Ha diretto la collana "Ossigeno"; curato la regia e la sceneggiatura del film "Musica per vecchi animali", allestito col musicista Paolo Damiani lo spettacolo di poesia e jazz, "Sconcerto" Dal 1999 cura la consulenza artistica del festival internazionale del jazz "Rumori mediterranei" che si svolge ogni anno a Roccella Jonica. Lo stile di Benni si caratterizza per l'uso originale ed innovativo del linguaggio, l'acutezza nel cogliere gli aspetti più aberranti della società moderna, la sua comicità stralunata e l'inesauribile fantasia, nella creazione di mondi immaginari e straordinari. (Carlo Santulli)

    Oreste Bossini, nato a Montevarchi (Arezzo ) vive ora a Milano. Diplomato in violino, si è dedicato al giornalismo musicale prima a Radio Popolare, poi nella rivista Musica Viva. Dal 1992 collabora con Radio3, come conduttore, inviato e ideatore di programmi. Come saggista collabora con le principali istituzioni musicali, e ha pubblicato per Archinto Milano, Laboratorio musicale del Novecento, La musica borghese, Lettere a Ralph; mentre per Il Saggiatore Claudio Abbado. Ascoltare il silenzio. Siede nel

    Continua a leggere
  • GIPSY QUARTET (23/08/2020 21:30 - 23:00)
    23/08/2020 21:30 - 23:00

    GIPSY QUARTET

    acquisto biglietti :www.vivaticket.com/it/cerca-biglietti/forli , oppure punti convenzionati

    23 agosto 21.30

    “Gipsy project”

    Mariam Serban Cimbalon

    Mihai Florian Fisarmonica

    Nicolae Petre Contrabbasso

    Vasile Stingaciu Violino

    Musiche della tradizione rom

    La più conosciuta formazione di virtuosi di violino, fisarmonica, cymbalom, contrabbasso a 3 corde e altri strumenti, nel panorama della musica rom rumena in Italia, catapultati dai matrimoni e dalle feste tradizionali e da Valacchia direttamente nel circuito dei festival e delle rassegne musicali nostrane. Il loro repertorio comprende melodie e balli tradizionali dal cuore dei Carpazi ma anche un gran numero di standard internazionali suonati “a la zingara” adattatissimi per animare e coinvolgere il pubblico di un concerto o per fare ballare e cantare tutti gli invitati di un matrimonio. Il gruppo vanta numerose e importanti collaborazioni con musicisti nazionali e star internazionali.

    Albert Florian Mihai nasce nel 1976 da una famiglia di musicisti gitani Rom. Il padre, a soli 5 anni gli regala una fisarmonica giocattolo da cui Albert comincia a fare musica “a orecchio”. A 10 inizia a suonare ai matrimoni e successivamente nelle più grandi e prestigiose orchestre popolari del suo paese. In viaggio nei paesi dell’Europa occidentale suona e conosce altre realtà musicali e altri musicisti: Italia, Francia, Germania, Spagna, Olanda, arricchiscono la sua cultura e la sua esperienza di vita. Si stabilisce a Roma dove suona spesso in metropolitana e con i suoi conterranei forma il quartetto Taraf de Metropulitana, con cui si mette in luce per il suo virtuosismo e le sue intense interpretazioni. Successivamente lavora per la televisione partecipa alla trasmissione di Serena Dandini con Claudio Bisio. Infine si unisce all'Orchestra di Moni Ovadia.

    Marian Serban nasce nel 1970 da una famiglia di musicisti rom virtuosi di cymbalom. A sette anni si esibisce già con suo fratello maggiore, Nicola, a quattordici è solista e suona ai matrimoni. Si unisce al prestigioso ensemble musicale Rapsodia Romana, e collabora con alcuni dei migliori gruppi del paese, in particolare con il celebre ensemble Danubiu di Turnu Severin. Nel 1994, dopo la caduta del regime comunista, lascia la Romania per l'Italia dove risiede attualmente. Le sue eccezionali qualità musicali lo rendono ricercato da gruppi e compositori e partecipa a innumerevoli progetti prestigiosi. Crea il quartetto Taraf de Metropulitana. Si unisce ad Aquaragia Drom, collabora con Alexian Group di Santino Spinelli, Daniele Sepe, Taraf Des

    Continua a leggere
  • NAPOLI, TEATRO SAN CARLO, ERCOLANO, CAMPI FLEGREI rinviata possibilmente a ottobre (09/10/2020 07:00 - 11/10/2020 22:30)
    09/10/2020 07:00 - 11/10/2020 22:30

    NAPOLI, TEATRO SAN CARLO, ERCOLANO, CAMPI FLEGREI rinviata possibilmente a ottobre

    9, 10, 11, OTTOBRE 2020

    NAPOLI, TEATRO SAN CARLO, ERCOLANO, CAMPI FLEGREI

    primo giorno

     

    Partenza ore 7,00 da viale Roma128 (davanti allo stadio), soste caffè e pranzo libero presso autogrill.

    Nel primo pomeriggio saremo ad Ercolano per la visita guidata agli scavi archeologici. Città romana distrutta dall’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C., che insieme a Pompei e Oplontis fa parte dei patrimoni dell’Umanità dell’Unesco. Ercolano antica è un luogo della memoria che “va considerata come una città e non come una miniera di opere d’arte, una città minore e diversa da Pompei, ma non per questo meno importante, con la sua fisionomia urbanistica, con la sua civiltà e con il suo volto umano.” In serata arrivo a Napoli. Cena e pernottamento in albergo.

    secondo giorno

    Dopo la colazione in hotel, partiremo la visita guidata agli antichi “Campi Flegrei” dove la natura si è divertita affiancando alla bellezza del mare il fascino dei vulcani. Inizieremo la visita dalla Piscina Mirabilis scavata interamente nel banco tufaceo di Bacoli, grandiosa cisterna idrica confrontabile per imponenza solo con la cisterna di Istanbul. Opera di altissimo livello di ingegneria, garantiva l’approvvigionamento idrico di tutta la flotta militare romana stanziata presso il bacino di Misenum. Proseguiremo poi con la visita del Parco Archeologico di Baia, luogo di villeggiatura e di riposo dell’aristocrazia romana, che racchiude i resti di residenze patrizie e di imponenti impianti termali; gran parte della città antica è stata sommersa dal mare a causa del bradisismo tra il III e VII sec.d D. C. ma favolosi reperti della zona archeologica sono conservati nel Museo Archeologico del Castello Aragonese che visiteremo.

    Pranzo libero e nel primo pomeriggio visita guidata al Parco Archeologico di Cuma.

    Rientro in albergo e alle ore18.00 al Teatro San Carlo per il Balletto ‘Cenerentola’ di Sergej Prokofiev. Cena libera

    terzo giorno

    Dopo la colazione in hotel partiremo per Continua a leggere

Termini di Utilizzo   Privacy   Associazione Amici dell'Arte - Viale Roma, 124 - Forlì (FC) - p.iva 03132930409