Eventi

25

feb

2022

QUARTETTO GUADAGNINI

Teatro Diego Fabbri Forlì

Venerdì 25 febbraio 2022 - Teatro Diego Fabbri, ore 21:00
QUARTETTO GUADAGNINI
Fabrizio Zoffoli , violino -  Cristina Papini, violino
Matteo Rocchi , viola -  Alessandra Cefaliello, violoncello

Programma:

Wolfgang .A.Mozart , Quartetto per archi in re minore K 421

Maurice Ravel, Quartetto per archi in fa maggiore

 

Appena dopo due anni dalla sua nascita, nel 2014 il Quartetto Guadagnini vinse il premio Piero Farulli in seno al XXXIII Premio Franco Abbiati. Da allora il Quartetto si è esibito nelle più importanti sale da concerto italiane, in Francia, Austria, Germania, Svizzera, Giappone, Cina, Thailandia, Emirati Arabi. Nel 2015 ha suonato con Beatrice Rana all’Istituto Italiano di Cultura di Parigi, nel 2016 è stato scelto dalla fondazione Stauffer di Cremona per rappresentare l’eccellenza italiana in Cina presso lo Shanghai Exibition Center. Vincitore di premi internazionali, il quartetto è stato invitato a prendere parte ad alcune sessioni dell’ ECMA (European Chamber Music Academy. Ha seguito alcune lezioni col Maestro Patrick Juedt e i corsi di perfezionamento per quartetto d’archi tenuti dal Maestro Günter Pichler presso l’Accademia Chigiana di Siena e la ProQuartet di Parigi. Si è esibito su RAI 5 in Inventare il tempo e in Musica da Camera con vista, su RAI 3 accanto a Corrado Augias e Giovanni Bietti in Visionari, ed è ospite regolare di trasmissioni dedicate alla grande musica. Nel 2017 è uscito il primo CD in allegato alla rivista Amadeus dedicato a Brahms e Dvořák. Il Quartetto Guadagnini suona quattro strumenti di liuteria moderna: Fabrizio un Marino Capicchioni costruito a Rimini nel 1962, Cristina un Massimo Nesi costruito a Firenze nel 2006, Matteo e Alessandra suonano, invece, due strumenti del liutaio bresciano Filippo Fasser, la viola è del 2012 e il violoncello del 2016. Il Quartetto Guadagnini è endorser di Jargar Strings, Danimarca.


Commenti (0)
Number of views (110)
Continua

Categorie: Concerti

Tags:

27

feb

2022

LUGO - BAGNACAVALLO con pranzo

Domenica 27 Febbraio2022

LUGO, BAGNACAVALLO e pranzo 

Lugo Il monumento più importante e famoso è sicuramente la Rocca Estense, l’imponente castello che domina la città dalla fine del 1200, quando il condottiero Uguccione della Faggiola si fece nominare signore di Lugo.Lugo è la città natale del famoso asso dell’aviazione della prima guerra mondiale, Francesco Baracca.La piazza Francesco Baracca si trova appena a est rispetto al Pavaglione ed è dominata dall’imponente monumento realizzato nel 1936. Sempre dedicato a questa figura è il Museo Francesco Baracca, ospitato dalla casa della famiglia Baracca che custodisce oltre 500 oggetti appartenuti all’aviatore, oltre a due grandi biplani da combattimento originali della prima guerra mondiale. All’interno del centro storico di Lugo si trova anche il Teatro Gioacchino Rossini, un esempio perfetto di teatro a palchetti di metà del settecento conservato alla perfezione, Proprio a Lugo, il giovane musicista iniziò a studiare i primi rudimenti di teoria musicale e per ripercorrere questa storia è possibile visitare la casa-museo della famiglia Rossini, che conserva molti oggetti e documenti appartenuti al maestro

Città d’arte nel cuore della Romagna, Bagnacavallo è una delle mete turistiche più interessanti del ravennate. Il borgo conserva l’antico nucleo storico costruito su una originale pianta medievale, unica nel territorio romagnolo, con singolare struttura sinuosa, lunghe vie porticate di bell’effetto e un gran numero di palazzi nobiliari ed edifici religiosi. Tra i monumenti più famosi, la Pieve di San Pietro in Sylvis, una delle meglio conservate in Romagna. Posta fra le tappe sulla Via dei Romei, la Pieve risale al VII secolo e custodisce importanti affreschi trecenteschi di scuola riminese. L’esempio più caratteristico, quasi unico nel suo genere per originalità ed eleganza è, senza dubbio, Piazza Nuova&l

Commenti (0)
Number of views (113)
Continua

Categorie: Iniziative

Tags:

RSS

Categorie

Calendario

«febbraio 2022»
lunmarmergiovensabdom
31123456
78910111213
14151617181920
2122232425
25/02/2022 21:00 - 23:00

QUARTETTO GUADAGNINI

Venerdì 25 febbraio 2022 - Teatro Diego Fabbri, ore 21:00
QUARTETTO GUADAGNINI
Fabrizio Zoffoli , violino -  Cristina Papini, violino
Matteo Rocchi , viola -  Alessandra Cefaliello, violoncello

Programma:

Wolfgang .A.Mozart , Quartetto per archi in re minore K 421

Maurice Ravel, Quartetto per archi in fa maggiore

 

Appena dopo due anni dalla sua nascita, nel 2014 il Quartetto Guadagnini vinse il premio Piero Farulli in seno al XXXIII Premio Franco Abbiati. Da allora il Quartetto si è esibito nelle più importanti sale da concerto italiane, in Francia, Austria, Germania, Svizzera, Giappone, Cina, Thailandia, Emirati Arabi. Nel 2015 ha suonato con Beatrice Rana all’Istituto Italiano di Cultura di Parigi, nel 2016 è stato scelto dalla fondazione Stauffer di Cremona per rappresentare l’eccellenza italiana in Cina presso lo Shanghai Exibition Center. Vincitore di premi internazionali, il quartetto è stato invitato a prendere parte ad alcune sessioni dell’ ECMA (European Chamber Music Academy. Ha seguito alcune lezioni col Maestro Patrick Juedt e i corsi di perfezionamento per quartetto d’archi tenuti dal Maestro Günter Pichler presso l’Accademia Chigiana di Siena e la ProQuartet di Parigi. Si è esibito su RAI 5 in Inventare il tempo e in Musica da Camera con vista, su RAI 3 accanto a Corrado Augias e Giovanni Bietti in Visionari, ed è ospite regolare di trasmissioni dedicate alla grande musica. Nel 2017 è uscito il primo CD in allegato alla rivista Amadeus dedicato a Brahms e Dvořák. Il Quartetto Guadagnini suona quattro strumenti di liuteria moderna: Fabrizio un Marino Capicchioni costruito a Rimini nel 1962, Cristina un Massimo Nesi costruito a Firenze nel 2006, Matteo e Alessandra suonano, invece, due strumenti del liutaio bresciano Filippo Fasser, la viola è del 2012 e il violoncello del 2016. Il Quartetto Guadagnini è endorser di Jargar Strings, Danimarca.


Continua a leggere
2627
27/02/2022 08:00 - 20:00

LUGO - BAGNACAVALLO con pranzo

Domenica 27 Febbraio2022

LUGO, BAGNACAVALLO e pranzo 

Lugo Il monumento più importante e famoso è sicuramente la Rocca Estense, l’imponente castello che domina la città dalla fine del 1200, quando il condottiero Uguccione della Faggiola si fece nominare signore di Lugo.Lugo è la città natale del famoso asso dell’aviazione della prima guerra mondiale, Francesco Baracca.La piazza Francesco Baracca si trova appena a est rispetto al Pavaglione ed è dominata dall’imponente monumento realizzato nel 1936. Sempre dedicato a questa figura è il Museo Francesco Baracca, ospitato dalla casa della famiglia Baracca che custodisce oltre 500 oggetti appartenuti all’aviatore, oltre a due grandi biplani da combattimento originali della prima guerra mondiale. All’interno del centro storico di Lugo si trova anche il Teatro Gioacchino Rossini, un esempio perfetto di teatro a palchetti di metà del settecento conservato alla perfezione, Proprio a Lugo, il giovane musicista iniziò a studiare i primi rudimenti di teoria musicale e per ripercorrere questa storia è possibile visitare la casa-museo della famiglia Rossini, che conserva molti oggetti e documenti appartenuti al maestro

Città d’arte nel cuore della Romagna, Bagnacavallo è una delle mete turistiche più interessanti del ravennate. Il borgo conserva l’antico nucleo storico costruito su una originale pianta medievale, unica nel territorio romagnolo, con singolare struttura sinuosa, lunghe vie porticate di bell’effetto e un gran numero di palazzi nobiliari ed edifici religiosi. Tra i monumenti più famosi, la Pieve di San Pietro in Sylvis, una delle meglio conservate in Romagna. Posta fra le tappe sulla Via dei Romei, la Pieve risale al VII secolo e custodisce importanti affreschi trecenteschi di scuola riminese. L’esempio più caratteristico, quasi unico nel suo genere per originalità ed eleganza è, senza dubbio, Piazza Nuova&l

Continua a leggere
28123456
7891011
11/03/2022 21:00 - 23:00

WING LI Pianoforte

Venerdì 11 marzo 2022 - Teatro Diego Fabbri, ore 21:00
YING LI , pianoforte

Programma:

W.A.Mozart, Sonata in si bemolle maggiore K 333

Béla Bartók, Sonata sz 80

W.A.Mozart, Sonata in si bemolle maggiore K 281

F. Liszt, Parafrasi sul Rigoletto 

Vincitrice della prima edizione del Premio Internazionale Antonio Mormone, Ying Li ha vinto nell’ottobre 2021 anche lo Young Concert Artist Auditions a New York. Ha iniziato lo studio del pianoforte a cinque anni in Cina e all’età di quattordici anni si è trasferita a Philadelphia per studiare al Curtis Institute of Music, dove si è diplomata nel 2019. Nel giugno 2021 ha conseguito il Master of Music alla Julliard di New York. In qualità di solista, Ying ha suonato con la Philadelpia Orchestra, New Jersey Symphony, St. Petersburg Chamber Philharmonic, NWD Philharmonie, Orchestra Accademia Teatro alla Scala, Longwood Symphony. Appassionata camerista è invitata da numerosi festival internazionali quali il Ravinia festival, La Jolla Music Society, Great Lakes a Detroit, Norfolk Festival, Brevard Music e al Festival di Verbier. Ha suonato al Teatro alla Scala, Sala Verdi del Conservatorio di Milano, Verizon Hall a Philadelphia, Kaufman Music Center a New York, Harris Concert Hall a Memphis, New World Center a Miami, Chicago Cultural Center, ACT Concert Hall in Giappone. Nel 2021 è stata anche finalista al Concours Musical International de Montréal e ha vinto il premio speciale per la migliore esecuzione di musica francese al Cleveland International Piano Competition. E’ membro dell’AYA Trio. Il suo primo album uscirà nei prossimi mesi per Universal ed è dedicato a Mozart e Bartók.

 

Continua a leggere
1213

Archivio